Home » Servizi

Servizi

Installatore digitale terrestre a bologna e riparazione antenne

Installatore digitale terrestre a bologna e riparazione antenne - ANTENNISTA

 

Progettazione e installazione impianti di ricezione e trasmissione radio, televisione digitale, sistemi satellitari motorizzati, fissi e multifeed,banda C e Ku, impianti satellitari bidirezionali in banda Ka, per abitazioni e industrie. 

Fornitura e installazione di tralicci e pali per il supporto delle antenne.

Ritaratura e riparazione di filtri e centrali condominiali, centralini di conversione satellitare per condomini, hotel e strutture alberghiere, centrali IF-IF, Transmodulatori; QPSK, COFDM e QAM.

Le tarature dei filtri in laboratorio vengono effettuate con analizzatore di rete a scalare, mentre in loco viene utilizzato un misuratore di campo con generatore di rumore.

Per gli impianti di trasmissione, viene utilizzato un Cable Antenna Vector Analizer 50ohm (con funzioni VNA).

Installazione e manutenzione di impianti TV e Satellitari in fibra ottica, link di collegamento.

 

Alcuni dei lavori effettuati,sono in foto gallery

 

Misure campi elettromagnetici, ricerca interferenze e analisi dei segnali

Misure campi elettromagnetici, ricerca interferenze e analisi dei segnali - ANTENNISTA


Rilievi e verifica del campo elettrico e  magnetico nelle vicinanze a centrali di conversione elettrica e stazioni radio base BTS , verifica interferenze e coperture di segnali radio, su ripetitori telefonici. In caso di superamento evidente dei limiti di legge, verrà avviata la pratiche di controllo da parte di enti preposti.

Verifica canali primari digitali TV (campo elettromagnetico minimo) secondo art.7 del D.M 22-12-2013

 

Clicca qui per guardare alcuni lavori e rapporti misure CEM

 

Installazione e accordo antenne Radio HF-VHF-UHF

Installazione e accordo antenne Radio HF-VHF-UHF - ANTENNISTA

Installazione, trasloco e smaltimento di Tralicci radio. 

Installazione e accordo di antenne Radio per CB, HF,VHF, UHF e Radiotrasmittenti in genere 

guarda le foto di alcuni lavori effettuati

 

Normative sulle installazioni in edifici condominiali di antenne radio e norme sulla sicurezza: 

La normativa che riguarda le installazioni di antenne per ambito radioamatoriale (non CB), si differiscono da quelle televisive, nel solo punto che riguarda le certificazioni di conformità, che non sembrerebbe in tal caso obbligatoria per quel che riguarda l'antenna ma solo del suo sostegno (norma CEI 100-140 calcolo del momento massimo flettente) e dell'impianto di messa a terra di questo (norma CEI 81-10 e CEI 100-7)

E' comunque una legge interpretabile e per questo la maggioranza degli amministratori considera questo tipo di installazione alla pari di quella televisiva. Per le installazioni di tralicci e strutture importanti può venire richiesta addirittura una DIA, anche se molti comuni non ritengono l'obbligo di tale documento, dato che esistono anche diverse sentenze della cassazione e del TAR che appunto hanno sancito la non legittimità dei comuni e organi di controllo di tale richiesta. Tuttavia dal momento che si installa una qualsiasi struttura sopra un tetto, solaio, soletta, terrazzo o altro piano orizzontale, questo diventa parte della struttura di edificio e di conseguenza è necessario che si rispettino le norme edili relative alla tenuta statica. Difatti se il peso della struttura supera il peso di 200Kg/mq nei condomini di nuova costruzione e 150Kg/mq in quelli antecedenti alle ultime normative in materia (D.M del 14 gennaio 2008) è necessario che un ingegnere iscritto all'albo, fornisca i dati e modi di installazione al tecnico qualificato che effettuerà i lavori, con eventuali rinforzi e ridistribuzione dei carichi. Quando si posa un plinto su un solaio/tetto è sempre necessario l'intervento di un tecnico abilitato e un ingegnere iscritto all'albo che certifichi i lavori, mentre se il plinto viene posato a terreno si necessita una dichiarazione inizio lavori. 

La norma CEI 100-7 che riguarda la messa a terra dei sostegni di antenna e dei cavi di collegamento , sancisce che il tecnico abilitato deve valutare di caso in caso l'installazione del LPS (messa a terra a protezione da scariche atmosferiche). Mentre la normativa 81-10 si riferisce alla messa a terra di tutte le parti metalliche esposte a rischio di scariche atmosferiche.

Riguardo agli obblighi di sicurezza invece si rimanda alla legge 81/08 che regolamenta le procedure di sicurezza da attuare per lavorare in quota sui tetti e stabilisce dall'articolo 26 del D. lgs 81/2008 (obblighi di verifica della idoneità tecnica-professionale dell'impresa appaltatrice, di informazione, di collaborazione e cooperazione), da parte dell'amministratore e la sua responsabilità penale e civile come se fosse un datore di lavoro verso questi e qualsiasi persona che effettua un lavoro sul tetto o nelle parti comuni del condominio.

Per queste ragioni gli amministratori non permettono di effettuare lavori sui tetti in assenza della linea vita installata e certificata, nonchè della corretta formazione dei lavoratori che si prestano ad utilizzarla. Il decreto 81/08 stabilisce che i lavoratori e le persone che effettuano lavori in quota, altezza oltre 2mt e quindi anche sui tetti, debbano essere muniti di un attestato di partecipazione ad un corso tecnico teorico, rilasciato a seguito del superamento di un esame " corso di formazione all'utilizzo dei DPI di 3° categoria" e che risultino idonei alla visita medica effettuata da parte di un medico abilitato in medicina del lavoro .

Di fatto l'amministratore del condominio è legittimato a negare l'accesso al tetto a persone non autorizzate, non formate, non in perfetta salute e in assenza delle linee vita. Su questo punto però esiste una variabile che la maggioranza degli amministratori non considera, si tratta della norma ENI 795B, che regolarizza l'eventualità di effettuare lavori in quota temporanei (eccezionali), utilizzando dei dispositivi rimovibili certificati ENI795B da parte di un tecnico riconosciuto con qualifica di impiantista e munito della corretta formazione "DPI di 3° categoria".

Riguardo a questo aspetto, si allega la circolare ministeriale di riferimento:

Ricerca guasti impianti di telefonia mobile DAS, analisi copertura cellulari

Analisi della modulazione della maggior parte di sistemi digitali.

Misure e collaudi su reti in fibra ottica GPON e FTTP. 

Giunzioni fibra ottica con fusione, prolungamento impianto.

 Possibilità di misurare anche il MER e BER su impianti GPON multiservizio per la distrbuzione di segnali TV e Satellitari in fibra ottica.

Verifiche e ricerca guasti su impianti DAS: GSM,UMTS 3G, LTE 4G e WiMax. 

Analisi strumentale per determinare le cause di una scarsa o assente connessione cellulare. 

Installazione, manutenzione e consulenza per impianti di amplificazione della rete cellulare.

Amplificazione rete GSM per impianti di allarme.

Zone di lavoro: Provincia di Bologna. Su richiesta effettua assistenza impianti in tutta Emilia Romagna .

Ricerca guasti impianti di telefonia mobile DAS, analisi copertura cellulari - ANTENNISTA

BLOG Sebaimpianti

Coppo76