Home » Foto gallery dell' Antennista » Ripetitore amplificatore con antenna 4G LTE UMTS GSM, Bologna

Ripetitore amplificatore con antenna 4G LTE UMTS GSM, Bologna

Ripetitore amplificatore con antenna 4G LTE UMTS GSM, Bologna - ANTENNISTA

Ripetitore amplificatore multibanda a banda stretta , 4G LTE 100Mbp/s, GSM con gestione di telefonate simultanee, il numero dipende dalla potenza totale in ingresso.

Ripetitore multibanda a banda stretta per ogni porzione di banda, 4G LTE 100Mbp/s di banda passante, GSM con gestione di 80 telefonate simultanee, UMTS 3G 7,5 Mbp/s. 

Controllo automatico del guadagno , sistema di protezione contro interferenze.

Copertura fino a 2000Mtq, distanza da ripetitore oltre 5km con antenne direttive, amplificazione fino 75 dB.

Figura di rumore < 5 dB, uscita massima 23dBm come da norma CEPT

Prezzo 1800 Euro esclusa installazione

 

Ripetitore 4G LTE Canalizzato con filtri programmabili.

Uscita max +23dBm ,guadagno 75 dB. Gestione banda 300Mbp/s 

Prezzo 9.500,00 Euro esclusa installazione

 

 

Attenzione le centraline devono essere installate da personale qualificato che effettui a fine lavori una analisi del corretto funzionamento con l'utilizzo di apparecchiature professionali. In caso di interferenze gli organi di controllo preposti dal Ministero dello sviluppo economico ispettorato territoriale possono applicare delle sanzioni amministrative e procedere con il sequestro dell'apparecchio.

Con lutilizzo di strumenti professionali e possibile effettuare una analisi completa del segnale e delle interferenze, la qualità del collegamento si può ricavare dalle Costellazioni, ritado degli ECHI, valori EVM e SNR.

Perchè i trasmettitori,amplificatori, rigeneratori GSM/UMTS/LTE e ripetitori telefonici in genere devono essere installati da tecnici specializzati?

Per il fatto che un errato utilizzo può facilmente generare dei rallentamenti del traffico telefonico dell'intera area servita dalla SRB (BTS), cella telefonica. Nei casi peggiori si rischia addirittura il blocco della cella che entra in fase di protezione. In questi casi le BTS comunicano tramite ponte Link o via cavo il malfunzionamento e l'operatore telefonico titolare della concessione aprirà una segnalazione interna per risalire alle cause del disservizio. 

Come si fa a interferire o rallentare le comunicazioni di una intera area (cella telefonica) ?

E' più semplice di quanto si possa immaginare!!...  Innanzitutto bisogna sapere che la rete telefonica è molto complessa e per funzionare deve avere un certo equilibrio della gestione delle frequenze e del tempo di ricezione dei dati.

Se per esempio si trasmette un segnale ad un trasmettitore molto distante, utilizzando antenne direttive e potenti amplificatori, senza preoccuparsi che il segnale arrivi alla cella telefonica con un ritardo superiore a quello consentito, in questo caso il mio segnale sarà interferito da un altro segnale che proviene da un'altra celle remota che ipoteticamente può trasmettere sulla stessa frequenza.  Per questi motivi è indispensabile non superare il ritardo di 100 microsecondi, che corrispondono a 30km di distanza e comunque conoscere le frequenze utilizzate dai trasmettitori limitrofi.

Altre cause di rallentamenti sono dovute al fatto che il segnale dal cellulare alla cella SRB percorre una strada diretta e una o più strade multiple (echi), che impiegano un tempo maggiore. In questi casi se il segnale in ritardo è più forte di quello diretto può mandare in crisi il sistema di controllo del Cyclic Prefix, questa condizione si presenta quando si utilizzano antenne molto direttive mal puntate, oppure quando le antenne interne ed esterne si accoppiano.

Oppure sono quelle di inviare pacchetti alla cella parzialmente danneggiati o incompleti, questo può accadere se l'amplificatore produce prodotti di intermodulazione e quindi interferenze, rumore di fase  e armoniche. Anche le intermodulazioni passive, se elevate generano problemi. Esistono diverse altre cause che generano disservizi e rallentamenti alla rete telefonica, per questo è necessario affidarsi solo ad aziende competenti che si avvalgono di strumentazioni professionali e che utilizzano apparecchiature elettroniche omologate, dotate di protezioni contro le interferenze.